spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
SERRACCHIANI_ ROJC_ROSATO PDF Stampa E-mail


































___ 6 luglio 2018: OLIMPIADI 2026_ROJC: anche il FVG sostenga Cortina e Dolomiti
___ 1 luglio 2018: GAY_ ROSATO: su diritti civili da ora il FVG si allinea all'indietro __ 6 luglio 2018: AUTOTRASPORTO_Serracchiani: Mit apra tavolo urgente con categoria “Subito la circolare per le deduzioni forfettarie”
__ 6 luglio 2018: Dissesto idrogeologico_Serracchiani: un delitto chiudere #Italiasicura
__ 4 luglio 2018: MIGRANTI_Serracchiani: Fedriga dica no a Cpr e Cara a Gradisca


__ 22 giugno 2018 Mediocredito: Serracchiani, prosegue l’iter che abbiamo impostato
__ 22 giugno 2018 Scorta: a Saviano Serracchiani, Di Maio se ne lava le mani
__ 22 giugno 2018 Lavoro: PD, su riders Di Maio guarda a secolo scorso RIDERS_ proposte PD
__ 21 giugno 2018 Lavoro: Serracchiani, priorità al Piano nazionale per la sicurezza
__ 19 giugno 2018 Carcere Ventotene Serracchiani, Bonisoli sblocchi risorse per luogo memoria __ 14 giugno 2018 Rojc, Rosato e Serracchiani: dolore per morte Romoli __ 12 giugno 2018 SERRACCHIANI su73° Liberazione di Trieste no cedimenti su libertà e tolleranza __ 14 giugno 2018 SERRACCHIANI su Morte Romoli il Friuli Venezia Giulia perde un galantuomo


3 aprile 2018 SERRACCHIANI
Carissime, Carissimi
sperando di fare cosa gradita, vi segnalo che se cliccate qui leggete l'interrogazione che ho ritenuto di indirizzare al Ministro Minniti sui fatti di Cologno Monzese.
Una rievocazione neonazista prima del 25 aprile patrocinata dal Comune di Cologno Monzese è solo uno degli ultimi atti di revisionismo storico, su cui dobbiamo porre grande attenzione. Ho quindi chiesto al Ministro Minniti che venga fatta chiarezza.
Un caro saluto a tutte e tutti
Debora Serracchiani





Image“Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. "

Parole Vecchie ma sempre Nuove quelle di Antonio Gramsci e, di seguito quelli di, Primo Levi
"Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo...."

Storie vecchie e storie nuove ma sempre lo stesso dolore da Auschwitz, a Srebrenica, a Homs e Aleppo, o ancora i migranti fantasmi dimenticati in Italia.
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi".

di Antronio Gramsci

“Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo? Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime. Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

11 febbraio 1917

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB